Home / Arrampicata sportiva / Arrampicata sportiva: come assicurare efficacemente

Arrampicata sportiva: come assicurare efficacemente

Oggi parliamo di arrampicata sportiva: come assicurare efficacemente il primo di cordata.

Prenderemo in considerazione come assicurare il primo di cordata quando si pratica l’arrampicata sportiva monotiro. Ciò significa che chi assicura è sempre e solo con i piedi a terra.

Capire e assimilare le tecniche corrette per assicurare è di fondamentale importanza. Dall’assicuratore dipende la vita di chi arrampica, ecco quindi alcuni accorgimenti per evitare disastri.

Arrampicata sportiva: come assicurare efficacemente da terra

Assicurarsi con l'otto ripassato
Photo by Brook Anderson on Unsplash

Innanzitutto per assicurare il primo di cordata è essenziale che questo abbia legato al proprio imbrago un capo della corda. L’otto ripassato è un nodo semplice e sicuro da fare e da controllare. Leggi l’articolo Nodi: come fare l’otto ripassato per approfondire l’argomento.

Bene, stai per assicurare il tuo compagno di arrampicata. Lui si fida di te e la tua è una grande responsabilità. Resta concentrato su di lui, non distrarti. Ecco alcuni accorgimenti che puoi prendere per essere sempre all’erta:

I preliminari sono importanti. Anche nell’arrampicata.

  • Pulisci la zona di assicurazione: inizia con il levare dai piedi scarpe, zaini, bottiglie di birra e tutto ciò che non serve. Se sei impegnato a cercare di mantenere l’equilibrio non ti concentrerai sul tuo lavoro e sulla sicurezza di chi arrampica. Se state praticando l’arrampicata in falesia puoi anche spostare sassi instabili o rami secchi, ma non metterti a fare il giardiniere. Non è necessario radere al suolo ettari di sottobosco. Solitamente c’è chi si occupa della pulizia periodica degli spazi verdi in prossimità delle falesie, ringrazia e contribuisci.
Una delle falesie di Arco
  • Verifica la lunghezza della via in rapporto alla lunghezza della tua corda: lo sviluppo della via che volete arrampicare deve essere inferiore alla metà della lunghezza della tua corda. Ok ok , faccio un esempio: se la via è 35 metri, ti serve una corda che sia almeno 70 metri. Perchè? I primi 35 metri di corda accompagneranno l’arrampicatore fino alla catena, gli altri 35 metri gli permetteranno di raggiungere il suolo sano e salvo. Ciò che vogliamo evitare è che la corda sia troppo corta e che ti si sfili completamente dall’assicuratore facendo precipitare il tuo compagno. Qui ci sono un paio di dettagli che possono fare una grande differenza. Innanzitutto, la corda dovrebbe avere di serie una fascia di circa 10 cm di colore differente, posta esattamente a metà della sua lunghezza per indicare il punto di non ritorno.  Se vedi questa fascia passare nell’assicuratore mentre il tuo compagno sta ancora arrampicando dovrai bloccarlo e calarlo. Per evitare disastri puoi anche fare un otto al capo della corda e assicurarlo con un moschettone al tuo imbrago.

Accessori specifici per assicurare

  • Usa un assicuratore autobloccante: ne esistono diversi ma hanno tutti la stessa funzione. Bloccano la corda autonomamente in caso di caduta di chi sta arrampicando. Tuttavia questo non deve essere un pretesto per distrarsi e togliere le mani dalla corda. L’assicuratore autobloccante diventa estremamente utile in caso di malore e caduta di chi assicura. Non lo auguro a nessuno, ma un colpo di caldo, un improvviso calo di pressione o un sasso che cade dalla falesia potrebbero metterti k.o. e impedirti di assicurare efficacemente.

Accessori per assicurare nell'arrampicata sportiva

  • Indossa un caschetto da arrampicata: hai detto “un sasso che cade dalla falesia?” Già! sono cose che capitano, e in quei momenti non c’è niente di meglio che essere concentrati su ciò che succede ed indossare un bel caschetto.
  • Prova gli occhiali prismatici da sicura: durante l’arrampicata del tuo compagno dovrai tenere gli occhi fissi su di lui. Con il tempo ti renderai conto che il collo ne risente. Gli occhiali prismatici da sicura per l’arrampicata ti permettono di mantenere una normale posizione del collo e contemporaneamente di vedere cosa sta combinando il tuo compagno in parete.

Assicurare vuol dire prevedere le dinamiche della caduta.

Spesso il momento che necessita maggiore attenzione quando si assicura il primo di cordata è la partenza, ovvero i primi due o tre spit della via. In questa prima parte infatti il primo di cordata potrebbe non essere completamente al sicuro da cadute a terra, ecco perchè:

Il primo spit è posizionato a cinque o sei metri da terra.

Ciò significa che se si dovesse verificare una caduta in questa parte della via, non ci sarebbe nessuna corda a rallentare e bloccare la discesa. Fino a che il primo di cordata non si assicura al primo spit l’assicuratore nell’arrampicata deve comportarsi praticamente come si comporta uno spotter nel boulder. Gambe piegate, braccia verso il compagno, concentrazione totale sul momento. Leggi anche Boulder: come cadere senza farsi male

I primi spit sono posizionati a pochi metri da terra.

Sembra un paradosso ma quando gli spit sono vicini al suolo c’è il rischio che pur avendo rinviato, l’arrampicatore finisca a terra. Questo può succedere se viene lasciato troppo lasco, se l’assicuratore sta troppo lontano dalla parete e se l’arrampicatore pesa molto di più dell’assicuratore. Vediamo nel dettaglio questi 3 casi:

  1.  Il lasco è quella parte di corda non tesa che resta tra il meccanismo di assicurazione e l’arrampicatore. E’ utile al tuo compagno per arrampicare liberamente ma se ne lasci troppo corri il rischio che in caso di caduta il meccanismo di bloccaggio non abbia modo di attivarsi. Trova sempre il giusto compromesso tra comodità e sicurezza. Prevedi i movimenti dell’arrampicata del tuo compagno e quanto in basso cadrebbe con il lasco che gli stai lasciando.
  2. Quando devi assicurare cerca di stare vicino alla parete. Un eventuale brusca caduta del tuo compagno potrebbe scaraventarti contro la roccia. In questo caso quei due o tre metri di spazio che ti separano dalla parete saranno due o tre metri in più di caduta per chi arrampica, che a questo punto potrebbe arrivare al suolo.
  3. In caso di caduta il peso del tuo corpo fa da contrappeso al primo di cordata. Ma la forza di gravità non guarda in faccia a nessuno e se tu pesi meno di lui finirai con il sollevarti da terra ad ogni suo volo. Anche in questo caso ogni metro che tu sali è un metro che lui scende.

Come assicurare nell’arrampicata sportiva in strapiombo

Assicurare arrampicata in strapiombo

Se stai assicurando sotto ad uno strapiombo o ad un tetto e l’arrampicatore cade, lo strappo è decisamente violento. Potrebbe venirti naturale di assicurare dando le spalle alla parete, in modo da poter guardare il tuo compagno che arrampica. Non farlo! in caso di volo, anche senza grosse differenze di peso potresti essere sollevato e trovarti a sbattere la testa contro la roccia. Resta invece rivolto verso la parete, pronto ad attutire l’urto con i piedi. A tal proposito, sopratutto se pratichi arrampicata sportiva in falesia, indossa calzature idonee mentre non arrampichi. Ti assicuro che non è piacevole essere catapultati a piedi nudi contro una parete di calcare.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *