Home / Arrampicata sportiva / Come rinviare nell’arrampicata sportiva

Come rinviare nell’arrampicata sportiva

Rinviare è una delle abilità fondamentali da acquisire per praticare l’arrampicata sportiva e non. Oggi vedremo insieme i due metodi classici per farlo, e qualche consiglio aggiuntivo.

Una volta che avrai fatto pratica arrampicando in top-rope arriverà il momento di fare un altro passo verso l’apice della tua carriera arrampicatoria: arrampicare da primo di cordata, ovvero aprire una via. Arrampicare da primo di cordata significa legare un capo della corda all’imbrago e iniziare a salire la parete assicurando la corda agli spit per mezzo dei rinvii. Dimentica la corda che arriva dall’alto, magari tenuta in tensione dal tuo assicuratore (mannaggia a lui..). Arrampicando da primo di cordata dovrai fare più attenzione, l’aspetto emotivo influirà parecchio sulla tua arrampicata e dovrai imparare a rinviare.

Oggi ti mostrerò due metodi classici per assicurare la corda ai rinvii fissi già appesi alle pareti delle palestre di arrampicata, e qualche errore da evitare. Imparare a rinviare in palestra è un buon modo per iniziare a prendere confidenza con il movimento in un ambiente sostanzialmente sicuro.

Come rinviare: la posizione

Il primo aspetto da tenere in considerazione è la posizione del corpo. Per poter rinviare dovrai ovviamente avere una mano libera. In altre parole dovrai trovare una posizione del corpo che ti consenta di restare in equilibrio e attaccato alla parete con al massimo tre punti d’appoggio. E per un tempo sufficiente a rinviare.

Ora, siccome quando starai per rinviare ti troverai al di sopra del precedente rinvio, l’aspetto emozionale entrerà in gioco ed inizierà a fare brutti scherzi. La paura di cadere infatti potrebbe essere forte, tanto da forzarti a rinviare nella posizione sbagliata. Tipicamente questo avviene quando si cerca di rinviare con lo spit sopra la nostra testa.

La comodità dovrebbe essere il tuo principale, se non unico, metro di giudizio per scegliere il momento ideale per rinviare. Scarica il peso sui piedi, non strizzare le prese, e cerca di evitare assurde contrazioni isometriche. Res-pi-ra.

Osserva come rinviano i professionisti. Solitamente si assicurano al rinvio quando questo si trova tra la loro vita e le spalle. Questo è Adam Ondra che arrampica su un 9b. Va beh.. per noi esseri umani è qualcosa di assurdo. Ma per fare due ragionamenti sul “rinviare” va più che bene.

Rinviare in questo modo ti permetterà di risparmiare parecchia energia e, per quanto possa sembrarti strano, ti permetterà di arrampicare in sicurezza.

La sicurezza innanzitutto

Ricorda: mentre starai aprendo una via cadrai sempre per una distanza doppia rispetto alla distanza tra il tuo imbrago e l’ultimo spit a cui ti sei assicurato. Se sei un metro sopra lo spit, cadrai 2 metri + qualcosina dovuto all’elasticità della corda. Quindi, se per sentirti più sicuro decidi di rinviare stando in basso, in realtà dovrai prendere più corda per arrivare al rinvio, e se cadrai, cadrai di più.

Inoltre, per arrivare al rinvio probabilmente dovrai mettere in pratica una delle abitudini più frequenti e malsane dell’arrampicata: bloccare la corda tra i denti per poterla afferrare più in basso. Questa pratica è fortemente sconsigliata. perchè?

  1. In caso di caduta con la corda fra i denti faresti contento solo il tuo dentista.
  2. Per un ovvio fattore igenico che non credo sia il caso di spiegare. Hai presente la vita di una corda da arrampicata?

Come rinviare: l’errore più comune

l’errore più comune che si commette nel rinviare in arrampicata sportiva si chiama Back-clipping. Non ho trovato un termine italiano per riassumere questa situazione, ma osservando l’immagine che segue sarà facile capire di cosa sto parlando.

Come rinviare correttamente
A sinistra un moschettonaggio errato, a destra un moschettonaggio corretto

Nell’immagine a sinistra puoi vedere un back clipping, ovvero un esempio di come non si deve passare la corda nel rinvio. A destra invece il modo corretto di rinviare. La corda che arriva dal basso va fatta passare tra la parete e il rinvio, attraverso il rinvio, e poi verso l’alto.

Può sembrare un errore da niente ma in realtà il rischio che si corre è tutt’altro che banale. In caso di caduta infatti è molto probabile che la corda eserciti una pressione sulla molla tale da permettere al rinvio di aprirsi, e di conseguenza di non frenare la vostra caduta. Questo è un errore che capita anche ai più navigati, quindi controlla sempre di aver rinviato correttamente.

Due semplici metodi per rinviare

Osservando i climbers più esperti in palestra noterai una gran varietà di metodi per rinviare. Tutto funziona, ma i metodi che vedremo tra poco sono semplici da imparare e da padroneggiare. Siccome hai due mani e il rinvio può essere rivolto in 2 lati, ci sono 4 diverse situazioni che potresti incontrare quando rinvii. La bella notizia è che ti servono solo 2 metodi per poter affrontare con successo tutte le 4 situzioni.

Stesso lato: mano sinistra con rinvio a sinistra, mano destra con rinvio a destra

In questo caso:

  1. prendi la corda con l’indice e il pollice e avvicinala al rinvio
  2. appena prima di inserirla fai scorrere la corda sull’indice
  3. metti il pollice sul dorso del moschettone e il medio sull’altro lato
  4. click

MODESTIA MODE: ON. L’immagine qui sotto è sicuramente più esaustiva della mia penosa spiegazione.

Tecnica di moschettonaggio
Tecnica di moschettonaggio

Lato opposto: mano sinistra con rinvio a destra, mano destra con rinvio a sinistra

In questo caso invece:

  1. prendi la corda con l’indice e il pollice e avvicinala al rinvio
  2. appoggia il medio all’interno del rinvio
  3. spingi la corda nel moschettone mentre con il medio tiri il moschettone versa la corda
  4. click

MODESTIA MODE: ON. L’immagine qui sotto è sempre più esaustiva della mia spiegazione.

Tecnica di moschettonaggio lato opposto
Tecnica di moschettonaggio lato opposto

Fai pratica

Ricordate la mia citazione preferita?

meglio un grammo di pratica che un chilo di teoria.

quindi che aspetti? se prima di affrontare una parete vuoi fare qualche prova non hai bisogno di una parete di roccia o di una palestra. Attacca un rinvio da qualche parte in casa, a una sedia, ad un cassetto, all’orecchio di tua sorella, e fai pratica. Sono sicuro che in brevissimo tempo inizierai a rinviare come se non ci fosse un domani.

IMPORTANTE: Quando deciderai di mettere in pratica in parete ciò che hai visto qui fallo sotto la supervisione di personale qualificato.

A presto, e Alé Duro!

Condividi

Check Also

Photo by Connor Moynihan on Unsplash

Comparazione dei gradi di difficoltà nell’arrampicata sportiva

Nell’arrampicata sportiva esistono 3 approcci ai gradi di difficoltà: Il finto disinteressato: “non mi importa …

Benefici dell'arrampicata sportiva. Workout full body

I benefici dell’arrampicata sportiva

I benefici dell’arrampicata sportiva sono molteplici. Chi pratica l’arrampicata sportiva migliora la propria forma fisica …

Miho Nonaka Bouldering

Fondamentali del bouldering: il footwork

Oggi parliamo di bouldering, e in particolare di uno dei suoi fondamentali: il footwork. Quando …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *